Bonus cultura 2022: per i nati nel 2003 possibile registrarsi dal 17 marzo

da | 8 Mar 2022 | Primo Piano

Pubblicato in GU n 51 del 2 marzo 2022, il decreto Ministeriale n 244 del 20 dicembre 2021 recante il regolamento con modifiche al decreto 24 dicembre 2019, n.  177 e successive modificazioni, concernente i criteri e  le modalità di attribuzione e di utilizzo della Carta elettronica,  prevista dall’articolo 1, comma 604, della legge 30  dicembre  2018,  n. 145 noto come Bonus cultura.

Il bonus cultura 2022, come nelle edizioni passate, ha un valore di 500 euro per acquistare entro il 28 febbraio 2023 

  • biglietti per cinema, teatri, concerti, eventi culturali, musei, monumenti e parchi archeologici; 
  • musica, libri, abbonamenti a quotidiani e periodici, anche in formato digitale;
  • corsi di teatro, musica, danza e lingue straniere.

Bonus cultura 2022: come fare per averlo

Per avere il bonus cultura è necessario iscriversi con SPID (leggi come richiedere lo SPID) o CIE sulla piattaforma preposta all’indirizzo seguente:

Successivamente, si possono generare i buoni per:

  1. effettuare gli acquisti online 
  2. o presso i negozi degli esercenti registrati al servizio

L’applicazione 18app consente dal 17 marzo al 31 agosto 2022:

  • agli esercenti di registrarsi al servizio ed offrire ai diciottenni la vendita dei beni previsti dalla normativa; 
  • ai diciottenni (nati nel 2003) di generare i buoni di acquisto dei beni offerti dagli esercenti anch’essi registrati al servizio.

Attenzione al fatto che per gli esercenti già iscritti, vale la registrazione già effettuata per le precedenti edizioni e la prosecuzione delle attività equivale ad accettazione della normativa e delle Condizioni d’uso applicabili alla nuova edizione.

Articoli Correlati

Via il canone RAI dalla bolletta

Via il canone RAI dalla bolletta

Il canone Rai potrebbe di nuovo uscire dalla bolletta della luce, alimentando una evasione fiscale che era stata azzerata dal 2015, poiché la UE ha posto questa come condizione per l’erogazione dei fondi del PNRR, giudicandolo un “onere improprio” a carico delle...

leggi tutto

Pin It on Pinterest