PIN INPS addio: la validità cessa il 1 settembre 2021

da | 20 Lug 2021 | Primo Piano

Si avvicina un nuovo  passo nel  processo di digitalizzazione  della pubblica amministrazione e dei servizi  online degli enti di servizio. Nell’ottica della semplificazione del rapporto dei cittadini con la pubblica Amministrazione attraverso un unico sistema identificativo, infatti, i diversi enti  pubblici stanno passando ai sistemi comuni di identificazione degli utenti ovvero SPID, CIE Carta di identità elettronica e CNS Carta nazionale dei servizi.

Dopo l’Agenzia delle Entrate  e Cliclavoro  anche l’ INPS si appresta a lasciare il  proprio vecchio PIN INPS. Ne dà notizia l’Istituto con la circolare n. 95 del 2 luglio 2021

A partire dal primo settembre  2021  il codice PIN INPS non sarà più utilizzabile per accedere ai servizi online dell’Istituto e si dovranno utilizzare gli altri  codici digitali “trasversali” , validi per tutte le amministrazioni pubbliche,

La circolare  raccomanda  che per non vedere interrotti gli adempimenti connessi alla propria attività lavorativa, gli utenti che operano in qualità di intermediario, azienda, associazione di categoria, pubblica Amministrazione, professionista esercente l’attività di medico o di avvocato, ecc., dovranno dotarsi , a loro scelta, entro il mese di agosto 2021, di:

-Una credenziale SPID di livello non inferiore a 2;
-Della CIE (con relativo PIN);
-Di una CNS

L’Istituto sottolinea anche  si riserva la possibilità di inibire progressivamente l’accesso attraverso il PIN INPS, agli utenti che risultano già dotati di una delle credenziali sopra citate (SPID, CIE e CNS).

Si ricorderà  che  INPS  aveva adottato  il sistema di identificazione degli utenti con codice PIN dal 2012 , quando ha iniziato ad  offrire sul  web l’intera gamma di  servizi e di prestazioni  sia assistenziali che previdenziali. Successivamente ha consentito  l’accesso alle proprie piattaforme con i nuovi strumenti di autenticazione previsti dal codice dell’amministrazione digitale  ultimo dei quali SPID , che dal 2016 ad oggi  ha ormai raggiunto una ampia diffusione.

Dal 1 ottobre 2020 non sono stati più rilasciati nuovi PIN  come illustrato nella circolare 87 2020. L’istituto non aveva pero ancora fissato la data di dismissione del vecchio codice .

Per continuare ad accedere ai servizi INPS online  anche dopo il primo settembre 2021 quindi,  per chi non ne fosse ancora dotato è necessario procedere  alla richiesta del proprio SPID o della CIE oppure della CNS .

 

Articoli Correlati

Bonus 200 euro partite IVA, le ultime novità

Bonus 200 euro partite IVA, le ultime novità

L’ADEPP, l’Associazione degli Enti Previdenziali Privati, ha dato un’indicazione di massima per cui si potrà presentare domanda a partire dal 20 settembre fino al 30 novembre 2022. Per la data ufficiale sarà necessario aspettare la pubblicazione del decreto attuativo...

leggi tutto
Via il canone RAI dalla bolletta

Via il canone RAI dalla bolletta

Il canone Rai potrebbe di nuovo uscire dalla bolletta della luce, alimentando una evasione fiscale che era stata azzerata dal 2015, poiché la UE ha posto questa come condizione per l’erogazione dei fondi del PNRR, giudicandolo un “onere improprio” a carico delle...

leggi tutto

Pin It on Pinterest